La Chiesa di Santa Maria dei Miracoli, a Venezia. I pavimenti.

La Chiesa di Santa Maria dei MIracoli

La Chiesa di Santa Maria dei Miracoli

La chiesa si affaccia sul campo dei miracoli, un luogo silenzioso e poco frequentato. La chiesa è un gioiello architettonico, un piccolo scrigno di marmo. Il primo esempio, a Venezia, di architettura rinascimentale.

chiesa di santa maria dei miracoli venezia

Una chiesa unica a Venezia

Questo edificio fu costruito in un momento storico in cui la tradizione gotica era ben radicata. Piccola ma costruita utilizzando marmi preziosi (che non si trovano in altre chiese di Venezia) è stata definita un "piccolo scrigno" ("a jewel box") da Ezra Pound.

Anche John Ruskin, lo scrittore e critico d'arte e architettura, innamorato di Venezia, la descrive come:

l'esempio più interessante e finito di Rinascimento bizantino a Venezia e uno dei più importanti in Italia dello stile cinquecentesco"

La costruzione della Chiesa dei Miracoli

La costruzione richiese 8 anni, dal 1481 al 1489

la chiesa di santa maria dei miracoli

Edificata su base rettangolare la facciata si affaccia su un piccolo campo, mentre il lato sinistro sembra sorgere dal canale, dal Rio dei Miracoli. 

chiesa di santa maria dei miracoli

La facciata è divisa in due ordini, stranamente invertiti rispetto alla tradizione vitruviana: i pilastri dell'ordine inferiore presentano capitelli corinzi mentre quelli superiori sono ionici. 

L'ampio frontone semicircolare è decorato con due splendidi rosoni in marmo e porfido rosso e presenta tre fotometrie laterali ed un grande finestrone centrale.

Sulla facciata svettano Dio Padre, al centro, e due Angeli. Sulla lunetta al di sopra del portale è collocata una Madonna con Putto. 

facciata chiesa dei miracoli

Sopra al delizioso portale, protetta da un arco semicircolare,  una scultura di Giovanni Lascaris datata 1480: "Madonna col Bambino".

La Chiesa di Pietro Lombardo

Una delle particolarità di questo edificio è che lo dobbiamo ad un unico artista, Pietro Lombardo, che ne ha seguito la progettazione e l'esecuzione, con la sua bottega.

Pietro Lombardo, architetto

Molto piccola, rispetto ad altre chiese giganti, è impreziosita da marmi colorati, sculture, rilievi di eccezionale fattura che tornano ogni angolo. 

chiesa santa maria dei miracoli, vista abside

 

Una Chiesa tutta in marmo

La Chiesa è costruita a filo del canale tanto che il muro della chiesa fa anche da sponda del canale. Tutte le superfici esterne sono ricoperte da marmi policromi secondo un disegno geometrico raffinato a riquadri, fasce, dischi, ottagoni, croci. 

Ma anche gli interni sono meravigliosi:

chiesa di santa maria dei miracoli interno

Perché si chiama: dei miracoli?

I miracoli a cui si deve il nome della Chiesa sono quelli operati da una tavola dipinta che raffigura proprio una Madonna con in braccio un bambino che è posta al centro della Chiesa. A questo dipinto sono stati attribuiti diversi miracoli e tanta fu la devozione popolare che si volle dedicargli una chiesa. 

chiesa di santa maria dei miracoli


 

Gli interni

I pavimenti della Chiesa di Santa Maria dei Miracoli

Il pavimento rinascimentale, opera della bottega dei Lombardo, si può datare negli ultimi decenni del Quattrocento. Il pavimento della navata è con tutta probabilità opera dello stesso Pietro che ha seguito l'intera costruzione e databile 1480. I materiali lapidei che lo costituiscono sono sia marmi antichi di riuso, sia di recente introduzione a Venezia come la breccia di Arbe che è stata utilizzata per i riquadri della navata. 

Chiesa Miracoli Venezia, i pavimenti

Il pavimento del coro, di fronte all'altare, mantiene intatto il disegno originale anche se ci sono state, qui, molte più sostituzioni rispetto a quello della navata. Ammirevoli le lastre di Pavonazzetto Toscano, marmo che riveste quasi completamente la chiesa sia all'interno che all'esterno. 

Esterni di Santa Maria dei Miracoli a Venezia

Forse ti potrebbe interessare...