Scuola Grande San Teodoro

La scuola grande di San Teodoro, facciata

La scuola grande di San Teodoro nasce nel 1258 nelle immediate vicinanze della Chiesa di San Salvador. La Chiesa, tutt'oggi, conserva i resti di San Teodoro (San Todaro, in veneziano) che giunsero da Costantinopoli nel 1261. 

La Cappella di San Teodoro fu finanziata e realizzata a cura della Scuola che era considerata prestigiosa in quanto Teodoro, pur spodestato da San Marco,  fu il primo santo patrono della città e nel 1450 il Senato deliberò che tornasse ad essere il compatrono. Nel 1552 la Scuola venne proclamata "Scuola Grande".

Interni della Scuola di San Teodoro

La Scuola Grande di San Teodoro alla caduta della repubblica

Come sappiamo con la caduta della Repubblica molti edifici religiosi e quasi tutte le Scuole vennero soppressi e depredati. 

Le ruberie francesi combinate alla disastrosa gestione economica della Municipalità Provvisoria causò una crisi economica di proporzioni impressionanti che arrivò a paralizzare la città. L'arrivo degli austriaci, nuovi occupanti, fu salutato quasi con liberazione dai veneziani che speravano in un miglioramento, ma la crisi peggiorò e diventò addirittura drammatica con la seconda occupazione francese nel 1805.

La scuola grande di San Teodoro

Quello che non era stato rubato dagli occupanti venne posto in vendita dai veneziani per poter sopravvivere. I mobili, i quadri, gli arazzi, le sculture che arredarono i più bei palazzi veneziani finirono in vari musei o collezioni private in giro per il mondo. 

La Scuola di San Teodoro, soppressa, depredata e ridotta a magazzino, venne affittata proprio da un antiquario veneziano, tale Antonio Sanquirico, dal 1830 al 1856 che "ha potuto fortunatamente raccogliere nella diffusione di molte collezioni appartenenti ad illustri famiglie veneziane, delle quali stima tacere il nome per molte ragioni".

Moltissimi clienti stranieri, giunti a venezia, si recano a visitare i numerosissimi negozi di antiquariato, tra cui quello di San Teodoro, che, dice una guida di Venezia dell'epoca "non ha eguali". 

Scuola grande di San Teodoro diventa antiquario
L'introduzione del culto di Cibele a Roma, di Andrea Mantegna

Attraverso il negozio di Sanquirico viene venduta "L'introduzione del culto di Cibele a Roma" di Andrea Mantegna, oggi alla National gallery di Londra.

 

 

I pavimenti della Scuola Grande di San Teodoro a Venezia

Forse ti potrebbe interessare...